Home / Film / Returner
returner

Returner

Nel 2084 la terra ha perso la guerra contro gli alieni invasori, che senza un apparente motivo hanno distrutto tutto quello che apparteneva alla razza umana. Un gruppo di umani asserragliati nel Tibet cercano di resistere all’invasione, ma una volta scoperti dagli invasori vengono trucidati tutti tranne Milly che mentre lo scontro con gli ultimi esseri umani sopravissuti è alla fine, con una speciale macchina si catapulta indietro nel tempo, esattamente nel 19 ottobre 2002 per modificare gli eventi, infatti il 20 ottobre 2002 una navicella spaziale caduta per un avaria nei pressi del monte Ibuki viene scoperta dalla Nasa Giapponese.. Secondo a quanto ricorda Milly quello non era che l’inizio dell’invasione aliena, una specie di ricognizione prima della guerra. Lo scopo di Milly è uccidere l’alieno, così riuscirà a modificare gli eventi futuri e forse a non dare inizio alla guerra che porterà l’estinzione della razza umana. Nel suo compito Milly sarà aiutata da Miyamoto, un killer di professione che suo malgrado e sotto la minaccia di un particolare stratagemma della ragazza aiuterà a salvare l’intero pianeta. Miyamoto è al soldo di una donna molto particolare, all’apparenza senza nome, che manda il nostro killer ad uccidere malviventi dediti al contrabbando di organi. In uno delle sue missioni Miyamoto incontra non solo Milly, ma anche Mitsugushi, un trafficante di organi senza pietà che il nostro eroe conosce benissimo e che quando era ragazzino aveva giurato di ucciderlo! Come si svilupperà la storia? Cosa c’è dietro l’invasione aliena? E il suo futuro? E Mitsugushi che c’entra?

E chi ha mai sentito questo Returner? Pensate che ho trovato un solo dvd di questo film al media non nel suo posto. Un miracolo che l’abbia trovato! A guardare la copertina sono rimasto un poco insoddisfatto, mi sembrava un filmetto, che ovviamente se non era giapponese non lo avrei mai comprato. Però come ultimamente mi sta accadendo mi sono dovuto ricredere. Per prima cosa gli effetti speciali sono di rara fattura, perfetti nelle sequenze dell’invasione, all’astronave in orbita intorno alla terra ed altro ancora. Poi nelle sparatorie tra Miyamoto e la triade siamo quasi ai livelli di Matrix, con piroette al rallentatore che rendono bene e poi l’effetto “pallottola” quando sparano! La trama pecca qua e la, sopratutto ci sono delle sequenze dove l’effetto ha una causa a dir poco molto banale (non vado oltre perchè altrimenti mi metterei a raccontare troppi particolari), ma comunque riesce a reggere abbastanza bene. I personaggi sono discretamente caratterizzati, la figura del cattivone è alla Giapponese e non riesco a capire perchè in Giappone i cattivi hanno tutti i capelli bianchi. Come personaggio Mitsugushi, interpretato da Goro Kishitani (Hong Kong Night Club) è troppo estremizzato perchè alle vollte da tanta crudeltà viene da ridere per le sue buffe faccie! Il killer Miyamoto è ben recitato da bello Takeshi Kaneshiro, già visto in “la foresta dei pugnali volanti”, rende bene la sua interpretazione del cattivo ma buono e con carico di sentimenti a seguito. La bella Milly è interpretata da Anne Susuki (la neve cade sui cedri), bravissima nella sua recitazione da ragazzina determinata, ma sfortunata, i suoi sorrisi sciolgono chiunque! Una piccola nota che ho scoperto, la “vecchia”, cioè la signora che ha assoldato Miyamoto come killer è la bravissima Kirin Kiki, gia vista nei film “la donna dei sogni” e “Tokyo gang” e che ho riconosciuto nella nonna di Momoko in “kamikaze girl” (vedere mia recensione).

returner-2 returner-3

returner-4 returner-5

 

Valutazione

TRAMA: 6,5 (regge bene a parte alcune forzature)

PERSONAGGI: 7 (buoni protagonisti in azione)

RECITAZIONE: 7 (Discreta e divertente)

DURATA: 6,5 (forse un pò troppo lungo)

REGIA: 7,5 (ottima)

MUSICHE: 6 (niente di eccezionale tranne la sigla finale di Lenny Kravitz)

Il webmaster manuenghel © 2007

 

La frase

Lo sapevo, ero sicuro che c’era sotto qualcosa.

Ho imparato che nel mio lavoro l’importante è riuscire a scoprire qual è la verità guardando le persone negli occhi,

ed i tuoi occhi ora mi stanno dicendo che quello che hai raccontato è vero.

Adesso che lo so, sento che devo chiederti di scusarmi…..

 

Guarda anche

Viaggio a Tokyo

“Viaggio a Tokyo” è il più bel film che io abbia mai visto, solo “Così …