Home / Libri / Dance dance dance
dance-dance-dance

Dance dance dance

dance-dance-dance-2

“E’ un giorno di marzo, al Dolphin Hotel di Sapporo, a.d. 1983. Oggi qualcosa comincia. Alla radio suonano gli Human League. E poi Fleetwood Mac, Abba, Melissa Manchester, Bee Gees, Donna Summer, Eagles, Commodores, Chicago, Kenny Loggins… Uno strano mondo, questo, dove tutto – o quasi – si può comprare. Dove le squillo di lusso si prenotano da un continente all’altro per poi detrarle dalle tasse, dove lo sperpero di denaro dà nuovo impulso all’economia, dove un gruppo musicale può scegliersi un nome assurdo come Adam and the Ants. Così per chi non ha voluto, o saputo, cogliere l’attimo e tuffarsi nell’ingranaggio, le strade che rimangono sono tutte un pò tortuose. C’è un giornalista free lance che ha perso molte cose nella vita, e ogni volta una parte di sé. Cammina controvento, senza perdere lo slancio: forse, per mantenere la rotta, non gli resta che lasciarsi andare alla deriva. Se sarà morbido come l’acqua, paziente nell’attesa, sentirà il ritmo vincere la resistenza. C’è una ragazzina di tredici anni seduta da sola in un bar, con le cuffie del walkman in testa e gli occhi chiusi. Bellissima e taciturna, in qualche modo imperscrutabile è capace di percepire il futuro e il passato, quello che gli altri non vedono. E poi una receptionist troppo nervosa, un attore dal fascino irresistibile, un poeta con un braccio solo. Un salotto, a Honolulu, dove sei scheletri guardano la televisione. Esiste un collegamento, fra tutte queste cose, un senso anche per chi ha perso l’orientamento. L’unico modo per trovarlo è non avere troppa paura, e un passo dopo l’altro continuare a danzare.”

Testo tratto dalla seconda e dalla terza di copertina del libro.

TITOLO: DANCE DANCE DANCE; TITOLO ORIGINALE: Dansu dansu dansu; EDITO DA: Einaudi; DATA PUBBLICAZIONE: 1998.

Guarda anche

gli-assalti-alle-panetterie

Gli assalti alle panetterie

“Avevo fame. Anzi, per l’esattezza, ci sembrava di aver inghiottito il vuoto cosmico: quella era …