Home / Anime / Tokyo godfathers
tokyo-godfathers

Tokyo godfathers

Nella Tokyo gelida e coperta di neve, nella notte di Natale si intrecciano le vite di un trio “assurdo” di senzatetto ed una bambina di pochi mesi che porteranno i tre a fare i conti con la propria esistenza attuale e passata. Gin, buon uomo in una città piena di tentazioni, si crea una famiglia felice fino a quando per colpa dei debiti che contrae con degli allibratori finisce sul lastrico e scappa, diventando un senzatetto facendo perdere le sue traccie perfino alla sua famiglia; Hana, ex prima donna di un locale per omosessuali e travestiti che dopo la tragica morte del suo fidanzato Ken per Aids ed una violenta discussione (vedere il film ndr) diventa una senzatetto. Infine a questo particolare duo si unisce una ragazza di sedici anni scappata di casa perchè accoltella un padre assente, severo e intransigente per via del suo gatto Angelo. Mentre Hana rovista tra gli oggetti per i poveri di una parrocchia scopre una bambina abbandonata, credendola un dono di Dio decide di tenerla con se finochè non trova i veri genitori. Ad aiutarla ci saranno i due compagni di vita, tra yakuza, mamme, travestiti, neve e freddo.

Bellissimo capolavoro di satoshi Kon, il primo film che ho visto di questo bravo regista, dove intreccia drammi esistenziali di tre senzatetto con il bellissimo sfondo di una Tokyo natalizia. La cosa che mi ha colpito di più è il realismo nel tracciare le vite dei protagonisti, quasi sembrasse una cronaca di vita vera vissuta. Ottimo sopratutto Hana, travestito che anima il trio con i suoi turpiloqui sul come vorrebbe avere il dono di concepir un bambino, visto che secondo lei Dio ha sbagliato a farla nascere uomo e non donna. Intensa la vita di Gin e Myuki, con drammi alle spalle e pronta a vivere nelle condizioni di senzatetto quasi come per espiare le colpe del passato. Grafica veramente ottima, lac osa che si nota sono i fondali, cioè le inquadrature dall’alto di Tokyo, la città sotto la neve e sopratutto il realismo che portano queste immagini. C’è una scena dove troviamo i nostri quattro protagonisti che camminano durante una notte sotto la neve, si sentono solo i rumori di qualche automobile in lontananza, il rumore dei passi sulla neve, il respiro dei protagonisti, un realismo che mi ha lasciato senza parole. Ho visto questo anime-film durante il Natale 2005, scelta più che azzeccata, oltre a farmi emozionare e divertire mi ha fatto scoprire questo nuovo grande regista dell’animazione, che ultimamente ha fatto uscire un altro film in animazione e comunque ho scoperto che Satoshi Kon è conosciutissimo per PERFECT BLUE, acquisto irrinunciabile per il sottoscritto!

tokyo-godfather-2 tokyo-godfather-3

tokyo-godfather-4 tokyo-godfather-5

tokyo-godfather-1

 TRAMA: 7,5 (favola di natale ai giorni nostri)
PERSONAGGI: 8 (ottimamente realizzati sopratutto nella ricostruzione delle loro vite)
DISEGNO: 9 (un nuovo modo di “disegnare”, bello, realista senza però tralasciare il tocco “manga”)
ANIMAZIONE: 9 (animazione del XXI secolo e si vede!)
DURATA: 7 (bè è un film, secondo me non durano mai troppo anzi!)
REGIA: 8 (bellissima scoperta)
Il webmaster manuenghel © 2006

Check Also

millennium-actress

Millennium Actress

Gli Studi Ginei stanno per essere demoliti e far posto al nuovo complesso della stessa …