Home / Libri / Enciclopedia dei mostri giapponesi
enciclopedia-dei-mostri-giapponesi

Enciclopedia dei mostri giapponesi

mostri-giapponesi-2

“State per entrare in un mondo molto particolare, che non è nè fiaba, nè leggenda, è che ha piuttosto il sapore di un resoconto di fatti realmente accaduti di cui non si hanno prova. Potreste considerare questo libro una sorte di “elenco degli avvistamenti”, pochè si basa sulle narrazioni popolari e credenze, ma anche su antichi documenti ufficiali che molto spesso risultano più inquietanti di un racconto dell’orrore. Questa sorta di bestiario non raccoglie semplicemente le descrizioni delle creature mitologiche del Giappone, cerca piuttosto di metterci al corrente degli stati d’animo, delle situazioni e dei luoghi che le hanno partorite, in bilico fra luce e ombra, fra ciò che si sa e non viene detto per timore e ciò che non si sa ma si vorrebbe scroprire. Per gustare queste pagine è sufficiente liberarsi di alcuni preconcetti e lasciarsi guidare in un mondo in cui, per esempio, un oggetto o un animale ottengono il potere di evolversi in creature mostruose se superano una certa età, un certo peso o una certa dimensione; in cui i cani-procioni sono i detentori dell’arte della metamorfosi e le volpi hanno abitudine e cerimonie simili a quelli degli esseri umani; un mondo in cui una lanterna stregata può farti perdere la via, o in cui puoi morire dal terrore anche solo per avere visto il volto ghignante di una vecchia che lava i fagioli in un fiume; un mondo in cui ci si chiede constantemente se ciò che abbiamo visto è reale o il frutto della nostra fervida immaginazione, della nostra paura del buio, della nostra repulsione per lo sporco, della nostra diffidenza nel diverso.”

Testo tratto dalla seconda di copertina del libro.

TITOLO: ENCICLOPEDIA DEI MOSTRI GIAPPONESI – EDIZIONE INTEGRALE; TITOLO ORIGINALE: Zusetsu nihon youkai taizen; EDITO DA: Kappa edizioni; DATA PRIMA PUBBLICAZIONE: 2009.

Guarda anche

gli-assalti-alle-panetterie

Gli assalti alle panetterie

“Avevo fame. Anzi, per l’esattezza, ci sembrava di aver inghiottito il vuoto cosmico: quella era …