Departures

Film

Departures

OKURIBITO

In un’orchestra di musica classica a Tokyo suona il violoncello Daigo, un ragazzo che ha lasciato il suo paese natio per trasferirsi nella grande metropoli e seguire il sogno di diventare un grande musicista. La realtà però lo porta alla consapevolezza che in realtà è un semplice musicista, forse mediocre in confronto ad altri talentuosi ragazzi e questa consapevolezza si accentua il giorno in cui l’orchestra viene sciolta. Trovatosi senza lavoro decide di trasferirsi, insieme a sua moglie Mika, a Yamagata, il paese dove è nato e cresciuto. Lì ritrova la sua vecchia casa, un tempo adibita a pub, un po’ fatiscente, ma in buone condizioni e inizia a cercare un lavoro. Daigo trova così un annuncio sul giornale dove cercano personale per l’agenzia N.K., e nel ritaglio c’è lo slogan “assistiamo coloro che partono per il viaggio“. Convinto che sia un annuncio per una società di turismo si presenta all’agenzia N.K. e viene immediatamente assunto, solo però che in realtà si trova a diventare dipendente di un agenzia di Tanato esteta, persone che preparano i defunti prima della cremazione. Lì per lì Daigo rimane stupefatto e pronto a non accettare l’impiego, ma la paga è ottima e ormai visto che è già stato assunto, come dice il proprietario Sasaki, male che vada ci si può sempre licenziare. Come primo impiego però le cose non iniziano benissimo e la gente intorno a lui che prima, al suo ritorno in paese, erano gentili ora si ritrovano ad essere diffidenti con uno che tocca i morti, persino la stessa moglie non prende bene la notizia. Daigo però grazie a Sasaki inizierà invece un viaggio interiore che lo porterà a crescere, maturare, rendersi conto che forse la sua è una vocazione essere un Tanato esteta. Rimarrà affascinato dal significato spirituale del suo lavoro, dove mentre pulisce il corpo del defunto con dignità in realtà esegue una purificazione del corpo e truccare e vestire la persona morta è una preparazione al lungo viaggio dell’anima.

Departures è un intenso film sul significato della morte e su come viene vista nel punto di vista di un Tanato esteta, un mestiere particolare, delicato e intenso che è un arte nel preparare le persone defunte prima della cremazione. In questo film la morte è rappresentata come un passaggio attraverso un cancello, a cui tutti noi siamo destinati a passarci, chi prima e chi dopo. Questo significato viene espresso dalla maturazione del personaggio principale, Daigo, musicista che si ritiene fallito e che per un semplice caso trova la sua vocazione in un mestiere che all’inizio lo inorridiva, ma poi lavorando a stretto contatto con il suo principale, ne scopre la sua delicata raffinatezza, pieno di dignità e rispetto verso coloro che purtroppo sono defunti. Con gli occhi moderini è strano vedere un Tanato esteta all’opera con davanti a lui i parenti della persona defunta, personalmente lo trovo molto straziante, ma in quei gesti sembra che i vivi diano alla persona morta un ultimo regalo ed un ultimo saluto, intenso e doloroso allo stesso tempo che alla fine però riporta il sorriso alle persone addolorate.

Tutto questo mi ha fatto molto riflettere sul tema della morte e in Departures il tutto è rappresentato in maniera ossequiosa e rispettosa, mettendo sullo schermo una tradizione sconosciuta ai più. Inoltre il film, grazie ai movimenti dei gesti di Sasaki e Daigo mentre truccano il volto, regalano un’intensità emozionale di questo lavoro che, come dice Raphaela, sottolinea come il protagonista non è solo bravo nel suo mestiere, ma mostra un’osservanza e un rispetto verso una persona defunta con riservo e dolore.

Un capolavoro, bellissimo, premio Oscar nel 2008 come miglior film straniero, consigliatissimo.

Ringrazio Raphaela per questo bellissimo regalo, un cofanetto con il libro-sceneggiatura, grazie Amore!

TITOLO ORIGINALE: OKURIBITO; REGIA: YOJIRO TAKITA; CAST: MASAHIRO MOTOKI, TSUTOMU YAMAZAKI, RYOKO HIROSUE, KIMIKO YO; DURATA: 131minuti; ANNO: 2008; GENERE: DRAMMATICO.

VOTO: 9. Il webmaster manuenghel © 2011-2021

Revisione della recensione: 19-12-2021.

La frase…

La morte per me non significa la fine.

Ci si deve passare, ma solo per andare avanti. E’ proprio … un cancello.

Ed io che sono il guardiano, ho assistito molte persone nel giorno della partenza, salutandole,

dicendole arrivederci,

ci rivedremo.

Ogni immagine e video presenti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. Contattatemi tramite social per una eventuale segnalazione in merito. Each image and video on the site are the property of their respective authors. Contact me via social for a possible report on this.