Home / Film / 13 assassini
13-assassini-1

13 assassini

Ecco un classico come non ne vedevo da qualche tempo, un “cappa e spada” ambientato nell’antico Giappone feudatario dove i samurai sono legge e onore nel paese d’oriente. Non mi aspettavo che questo film mi piacesse così tanto, normalmente i film in costume, sia quelli giapponesi che quelli europei, non mi entusiasmano più di tanto. Troppa formalità nello recitare, ambientazioni in cui non riesco a riconoscermi, storie ripetute e con il finale melodrammatico assolutamente prevedibile. Anche qui ovviamente ci troviamo nel solito cliché, però la trama mi ha entusiasmato, le riprese, i dialoghi sono stati quasi perfetti, insomma un bel “filmone” che narra la storia dei samurai. La trama è pressoché simile a tanti altri film. Lo shogun decide di far venire a corte il fratellastro minore, un uomo sanguinario, annoiato della vita che per ravvivare la sua uccide e mutila le persone senza vergogna. Un nobile samurai decide di fare Harakiri come protesta per la decisione dello Shogun, allora il Gran Ciambellano di corte decide di muoversi nell’ombra e fermare il fratello minore dello suo Signore. Dopo tre giorni interminabili decide di chiedere al grande samurai di Corte, Shinzaemon Shimada, di organizzare un agguato e uccidere l’odiato fratello dello Shogun. Ovviamente Shimada, essendo un samurai d’onore, accetta la missione suicida solo dopo aver visto con i propri occhi le atrocità commesse dall’uomo e così assolda 13 uomini, tra cui 12 samurai, e vanno all’arrembaggio per uccidere ben 200 soldati, oltre al fratello che nel vedere la battaglia scopre la sua voglia di sangue.

Classica trama vero? però è ben strutturata in tutto il film, le riprese sono eccezionali, c’è stata da parte dello regista una cura quasi maniacale dei dettagli. Per esempio durante la grande battaglia si intravede un samurai che parlando alle sue spalle si vede un fiumiciattolo che piano piano si tinge di rosso sangue, per le molteplici morti che lui ha causato. Poi come ogni film ambientanto del Giappone feudale viene massimizzato l’onore e la fedeltà dei samurai, anche quando devono fare scelte sbagliate. Poi finalmente nei duelli non ho visto sangue che schizza ad ogni fendente di spada, Takeshi Miike ha cercato di essere il più preciso e veritiero possibile, tranne una scena che personalmente non ho capito e che lascio a voi decidere. Durante l’esplosione di una casa era sangue o cosa quello che usciva da tutti i punti? Domandona che penso non si possa avere risposta secondo me. Comunque bel film, piacevole visione consigliata a tutti gli amanti del Giappone antico.

Titolo originale: Juusan-nin no shikaku; Regia: Takeshi Miike; Cast: Kôji Yakusho, Yusuke Iseya, Takayuki Yamada, Tsuyoshi Ihara, Yuma Ishigaki, Kazuki Namioka, Sosuke Takaoka, Hiroki Matsukata; Anno: 2010; Durata: 141minuti; Musiche: Kôji Endô.

13-assassini-2 13-assassini-3

13-assassini-4 13-assassini-5

Guarda anche

Viaggio a Tokyo

“Viaggio a Tokyo” è il più bel film che io abbia mai visto, solo “Così …