Ring

Film

Ring

RINGU

E così, dopo aver visto la mini serie di Ju-On, mi è venuta voglia di rivedere di nuovo Ring, il film giapponese che ha spopolato a fine anni 90′ e che poi ne è stato tratto un remake americano di altrettanto successo. Questo film l’avevo visto grazie ad un noleggio dvd di tantissimo tempo fa e mi ricordo che mi aveva terrorizzato per bene soprattutto per l’interpretazione di Sadako, decisamente molto convincente. Grazie alla serie Netflix di Ju-On mi è tornata così la voglia di rivederlo e scrivere finalmente una recensione su un film molto bello, ovviamente per chi ama il genere Horror. La storia ruota su Reiko, una giornalista che sta indagando su alcune morti di ragazzi, tutte inspiegabili e sembra che tutto riconduca ad una videocassetta maledetta. Il tam tam tra i giovani è che chi vede il video riceve immediatamente una telefonata strana e dopo sette giorni muore in circostanze inspiegabili. Un giorno anche sua nipote muore e così Reiko continua con ancora più convinzione la ricerca dell’origine di queste morti che la portano in una località di vacanza dove trova la videocassetta. Dopo aver visto le strane e conturbanti immagini del video, riceve una telefonata con uno strano stridolio e così Reiko si rende conto che tutto è vero. Decide allora di coinvolgere il suo ex marito, sensitivo, per tentare di fermare il tempo e debellare la maledizione che coinvolge una famiglia in particolare, quella di Shizuko, sensitiva morta molto tempo fa e di sua figlia Sadako.

La trama è molto originale, soprattutto se pensiamo che il film Ring è del 1998. Il suo ritmo è molto incalzante, con un ottimo susseguirsi di eventi che portano alla fine a Sadako, la ragazzina della sensitiva Shizuko. Come film Horror è ottimamente realizzato, senza effetti speciali e questo lo rende ancora più inquietante. Quando Sadako, scena memorabile, esce dalla televisione con quelle movenze da contorsionista e veramente terrificante, reale, e questo regala al film attimi di terrore puro. La recitazione degli altri personaggi non è male, però a volte manca qualcosa di convincente, di realistico, ma questo non preclude il film. Ho scoperto che il film Ring è tratto dell’omonimo romanzo di Kōji Suzuki, che a sua volta è ispirato dalla storia popolare Bancho Sarayashiki. Se volete attimi di terrore in vecchio stile, Ring è perfetto. Consigliatissimo.

TITOLO ORIGINALE: RINGU; REGIA: HIDEO NAKATA; CAST: NANAKO MATSUSHIMA, HIROYUKI SANAKA; DURATA: 95minuti; ANNO: 1998; GENERE: HORROR.

La frase…

Queste storie non hanno un inizio rintracciabile.

Sono paure che si mutano in leggende.

Puoi chiamarle anche profezie che poi si avverano.

 

Valutazione

TRAMA: 8 (nel 1998 qualcosa di unico e terrificante)

PERSONAGGI: 7 (ben costruiti)

RECITAZIONE: 6,5 (a parte Sadako, terrificante, gli altri non totalmente convincenti)

DURATA: 7 (il giusto per la storia)

REGIA: 8 (come per la storia, ottime sequenze senza effetti speciali)

MUSICHE: 7 (le classiche dei film horror, da paura)

Il webmaster manuenghel © 2020

Ogni immagine e video presenti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. Contattatemi tramite social per una eventuale segnalazione in merito. Each image and video on the site are the property of their respective authors. Contact me via social for a possible report on this.

Leave a Reply