In the mood for Love

In the mood for Love

HUAYANG NIANHUA

Quando il cinema è arte e romanticismo allo stato puro. Questo è In the Mood for Love.

Trama

Chow, un giornalista, e Su, una segretaria, si trasferiscono in appartamenti adiacenti nello stesso palazzo. Le loro vite sono caratterizzate da una monotonia quasi opprimente e da una costante assenza dei rispettivi coniugi per motivi di lavoro. Vivono all’interno di un palazzo che allafine è una piccola comunità, dove le attività quotidiane e i giochi di mahjong della proprietaria dell’appartamento di Su creano un microcosmo intimo e condiviso. Una sera Chow e Su vanno a cena insieme, durante la quale scoprono di sospettare che i loro coniugi siano coinvolti in una relazione. Questo sospetto comune li avvicina, spingendoli a promettersi di non diventare come i loro coniugi infedeli. Mentre il tempo passa, il loro legame si intensifica, evolvendo in un amore platonico profondo e struggente, caratterizzato da silenzi significativi e sguardi intensi che parlano più delle parole. La crescente vicinanza tra Chow e Su non passa inosservata agli occhi attenti dei vicini di casa, che iniziano a sospettare di qualcosa e così per sfuggire agli sguardi indiscreti e trovare un rifugio Chow affitta la stanza 2046 in un albergo. Lì, lui e Su, trascorrono del tempo insieme scrivendo racconti e condividendo momenti di intimità che, tuttavia, non sfociano mai in una relazione fisica. Nonostante l’intensità dei loro sentimenti, Chow e Su sono consapevoli delle barriere che li separano, sia morali che personali. Il loro amore è un fuoco che arde silenziosamente, alimentato dalla consapevolezza delle loro rispettive solitudini e dal desiderio di una connessione autentica.

Impressioni

In the Mood for Love è un capolavoro cinematografico diretto da Wong Kar-wai, ambientato nella Hong Kong del 1962. La trama, che ruota attorno a temi di amore, solitudine e desiderio, esplora la storia di due personaggi principali, Chow Mo-wan e Su Li-zhen, entrambi intrappolati in matrimoni infelici, che sviluppano un legame profondo e complesso che è tanto doloroso quanto sublime. Il rapporto tra i due protagonisti è così sincero e intenso da regalare momenti poetici di puro amore. Maggie Cheung e Tony Leung Chiu-Wai sono stati perfetti nell’interpretare i propri personaggi, dando vita a una donna e un uomo persi nella propria solitudine, che si avvicinano così tanto da creare scintille invisibili di puro amore. Maggie Cheung, con i suoi sguardi e i delicati movimenti del viso, esprime perfettamente il dilemma interiore che vive Su, divisa tra un amore ormai perduto e un amore infinito ma irraggiungibile. Dall’altra parte, Tony Leung interpreta un uomo dallo sguardo perso in una città che sembra vuota e priva di vita, in cerca di qualcosa che arde dentro di lui, pur essendo consapevole della realtà che lo circonda. In the Mood for Love è un film romantico che racconta una storia d’amore così intensa da togliere il fiato. Il finale, per niente scontato, è accompagnato da immagini che solo Wong Kar-wai sa regalare, come le fumate di sigaretta e le inquadrature leggere ma cariche di significato. Questo film è una celebrazione della bellezza e della tristezza dell’amore non corrisposto, un’ode alla delicatezza e alla profondità delle emozioni umane.

Conclusione

In the Mood for Love è un’esplorazione poetica dei sentimenti umani, un film che cattura l’essenza della nostalgia, del desiderio e della perdita, con la sua cinematografia elegante, una colonna sonora evocativa e le interpretazioni sottili e toccanti dei protagonisti. Consigliatissimo.

TITOLO ORIGINALE: HUAYANG NIANHUA; REGIA: WONG KAR-WAI; CAST: MAGGIE CHEUNG, TONY LEUNG CHIU-WAI, PING LAM SIU, REBECCA PAN, KELLY LAI CHEN, PAULYN SUN; DURATA: 98minuti; ANNO: 2000; GENERE: SENTIMENTALE.

VOTO: 9,5. Il webmaster manuenghel © 2024

Si ricorda quegli anni svaniti come se si guardasse attraverso una finestra polverosa. Il passato è qualcosa che può vedere, ma non toccare, e tutto ciò che vede è offuscato e indistinto.

La frase…