Home / Film / Connected
connected

Connected

E’ una giornata come tante, Grace porta come sempre sua figlia a scuola ed incomincia la sua giornata lavorativa, Bob invece è come sempre alle prese da mille impegni a tal punto di non riuscire a vedere suo figlio in partenza per l’Australia. Queste due persone non si conoscono per niente, ma un giorno Grace viene rapta da un gruppo di loschi individui che non hanno pietà di nessuno ed uccidono a sangue freddo per raggiungere il loro scopo. Adesso il loro obbiettivo è il fratello di Grace che li ha filmati mentre facevano un’esecuzione. Sono pronti a tutto, hanno già ucciso un ragazzo ed ora minacciano Grace di rapire anche sua figlia e di sterminare chiunque se la donna non dice dove si trova suo fratello immediatamente. Mentre è prigioniera in una casa diroccata Grace riesce a connettere un vecchio telefono ed a chiamare un numero a caso e gli risponde Bob che deve andare all’aereoporto da suo figlio. La donna è disperata e gli chiede aiuto, Bob lì per lì chiede aiuto ad un poliziotto di strada, poi però visto che non gli crede decide di aiutare la donna ed incomincia una roccambolesca ricerca prima della figlia, poi del fratello ed infine del filmato che i cattivi vogliono assolutamente, scoprendo retroscena incredibili.

 

Remake del film “The cellular” con Kim Basinger del 2004, una produzione tipicamente made in Hong Kong che non delude sotto l’aspetto dell’azione, il film ti tiene con il fiato sospeso fino alla fine, peccato però che tra incidenti realistici e salvataggi al fil di cotone si mischiano tratti un pò grotteschi e esagerati, rovinando un pò la visione. Certe scene, come l’inseguimento all’inizio del film, sono fatte veramente bene, gli incidenti realistici, ma poi si vede il finale dell’inseguimento che sfocia in un incidente impossibile e ridicolo, peccato! Anche se è un remake e personalmente il film originale non l’ho visto, questo lungometraggio mi ha appassionato molto, sono proprio rimasto senza fiato fino alla fine, nonostante però abbia trovato molti punti prevedibili, ammetto che sapevo dove andavano a finire alcune scene, però nel complesso è un buon film d’azione. Ogni tanto Rai4 mi delizia con questi film adrenalinici, magari poco originali, ma con un ottima suspence, adatti agli appassionati del genere.

TITOLO: BO CHI TUNG WAH; REGIA: BENNY CHAN; CAST: LOUIS KOO; BARBIE HSU; NICK CHEUNG; LIU YE; LOUIS FAN; EDDIE CHEUNG; DURATA: 110min; ANNO: 2008; MUSICHE: NICOLAS ERRERA; GENERE: AZIONE.

connected-2 connected-3

 

 

Valutazione

TRAMA: 6,5 (intensa, ma prevedibile)

PERSONAGGI: 6 (non molto credibili )

RECITAZIONE: 6 (tipica dei film orientali)

DURATA: 7 (secondo giusta, così da non cadere nella troppa prevedibilità)

REGIA: 7 (un buon lavoro sopratutto nella sequenza degli incidenti stradali)

MUSICHE: 6,5 (niente di eccezionale, ma ben azzeccata)

Il webmaster manuenghel, 05 febbraio 2012

La frase

Allora, è così che volevi morire da eroe?

 

Guarda anche

togheter-with-you

Together with you

Il padre di Xiaochun è un uomo povero che vive per suo figlio, il loro …