Confessions

Film

Confessions

CONFESSIONS

Una vera e propria sorpresa Confessions, un thriller drammatico dai risvolti molto dark. Sapevo poco della storia e devo dire che ho fatto bene a non leggere spoiler in merito, perché così, in questo modo, sono rimasto piacevolmente rapito dalla trama, veramente interessante. Tutta la storia gira intorno alla morte della figlia della professoressa Yuko Moriguchi, che nell’ultimo giorno di scuola, alla sua classe indisciplinata, comunica la sua triste storia e di come lei sia convinta che non sia stato un incidente, ma bensì un omicidio fatto da due alunni, chiamati alunno A e B. Inizia così la sua teoria con il latte offerto ai ragazzi…

Non posso e non devo andare oltre a raccontare la storia, rovinerei completamente la visione del film, perché Confessions è uno di quei capolavori da vedere senza sapere niente, gustando attimo dopo attimo l’incalzante storia di Yuko e dei suoi alunni. Il film è basato sull’omonimo libro, che ancora non ho letto, di Minato Kanae, e qui si notano alcuni buchi narrativi nel film, come è normale in questi casi, ma non precludono la godibilità del lungometraggio. Il regista è stato eccezionale nel creare una storia tinta di nero, con slow-motion su alcune situazioni che fanno tenere il respiro ogni volta. L’interpretazione è stata ottima, riuscendo nell’intento di comprendere ogni personaggio e sopratutto di caratterizzarlo man mano che la storia va avanti. La musica è più che azzeccata, con Last Flowers dei Radiohead sempre in sottofondo che rapisce, con le immagini del film, lo spettatore. Il finale poi lascia pensare, continuamente, anche adesso che è passato qualche tempo da quando l’ho visto. Penso che Confessions sia anche uno specchio della società giapponese, e non solo, perché alcuni momenti fanno pensare molto, come quando Mizuki cammina insieme al suo professore, uomo che fa la parte dell’amico dei suo studenti. In quel momento lui passa davanti ad una finestra e non si accorge che proprio lì vicino c’è un alunno vittima di bullismo, mentre Mizuki lo nota immediatamente, facendo anche lei finta di niente, come se la cosa sia normale. Penso che Confessions sia un capolavoro da vedere e rivedere, per comprendere ancora di più i personaggi, folli e comprensibili, figli del mondo di oggi.

TITOLO ORIGINALE: CONFESSIONS; REGIA: TETSUYA NAKASHIMA; CAST: TAKAKO MATSU, YUKITO NISHII, AI HASHIMOTO, MASAKI OKADA; DURATA: 106minuti; ANNO: 2010; GENERE: THRILLER, DRAMMATICO.

La frase…

Attento, la tua rinascita inizia in questo preciso momento….

Sto scherzando.

 

Valutazione

TRAMA: 8,5 (ipnotico, sconvolgente)

PERSONAGGI: 8 (si evolvono durante il film, eccezionale)

RECITAZIONE: 7 (buona, che caratterizzano i personaggi)

DURATA: 6 (il giusto per un film intensamente lento)

REGIA: 9 (eccezionale, con una ottima fotografia)

MUSICHE: 8 (un punto forte del film)

Il webmaster manuenghel © 2020

Ogni immagine e video presenti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. Contattatemi tramite social per una eventuale segnalazione in merito. Each image and video on the site are the property of their respective authors. Contact me via social for a possible report on this.