Burning – L’amore brucia

Burning - L'amore brucia

BEONING

Un film “contrastante”, che lascia un piccolo segno, che fa pensare…

Trama

La storia ruota intorno a Jong-su, un aspirante scrittore che incontra per caso una vecchia amica, Hae-mi. La ragazza è un concentrato esplosivo di vita e malinconia allo stesso tempo. Tra i due ragazzi nasce immediatamente una complicità intima, fatta di discorsi e sogni. Quando Hae-mi parte per il Kenya da sola, Jong-su si prende cura del suo gatto, che non si fa mai vedere, ma lui gli lascia sempre da mangiare e bere nell’appartamento di lei. Quando torna dal viaggio, Hae-mi non è da sola, ma in compagnia del misterioso Ben, un ragazzo ricco e taciturno, che parla solo quando è il momento. Jong-su è diffidente nei confronti del ragazzo, un po’ perché è innamorato di Hae-mi, un po’ perché Ben ha qualcosa che lui definisce “Il Grande Gatsby“. Dopo una strana confessione di Ben, in cui rivela di avere un hobby segreto, Hae-mi scompare misteriosamente. Jong-su, ossessionato da lei, inizia una ricerca spasmodica per trovarla, entrando in un labirinto di emozioni e sospetti che lo porteranno a confrontarsi con verità sconcertanti e lati oscuri dell’animo umano. La sua ricerca della verità diventa anche una lotta interna tra realtà e immaginazione, speranza e disperazione.

Impressioni

Burning – L’Amore Brucia è un film che si basa sul racconto di Haruki Murakami “Granai Incendiati” della raccolta “L’elefante scomparso e altri racconti“, che purtroppo non ho ancora nella mia libreria. La storia è un racconto misterioso, claustrofobico, disperato e ossessivo tra tre protagonisti, ciascuno diverso dall’altro. Jong-su è un bravo ragazzo sbandato in un mondo che lo lascia ai margini. Il suo sogno di diventare scrittore si scontra sempre con una realtà personale difficile, segnata dal padre incarcerato e dall’abbandono della madre. Hae-mi invece è una ragazza esplosiva, apparentemente piena di vita e innamorata del mondo, ma allo stesso tempo malinconica e sola. Trova in Jong-su il suo vero e unico amico e confidente. Ben dal suo canto è il prototipo del ragazzo ricco, senza pensieri, con una volontà cosciente di fare quello che vuole, quando vuole. Il film sottolinea una forte spaccatura di classe tra i due protagonisti maschili che inevitabilmente, o forse volutamente, si scontrano pacificamente in nome di Hae-mi, la quale si trova inconsciamente in mezzo tra loro due. Ben mantiene un profilo misterioso e, quando confida qualcosa, lo fa per destabilizzare chi gli sta intorno, mentre Jong-su è un libro aperto. La figura di Hae-mi, interpretata dalla bravissima Jeon Jong-seo, è qualcosa di inafferrabile, triste e dirompente, alla ricerca di una felicità che forse non riuscirà mai a raggiungere. Il film si svolge lentamente, a tratti risulta un po’ noioso e non coinvolge completamente fino all’ultima mezz’ora, che l’ho trovaya quasi “senza fiato”, con un epilogo non proprio prevedibile. Burning – L’Amore Brucia è uno di quei film dove il trailer, accompagnato da musiche incalzanti, fa urlare “al capolavoro”, ma la visione finale del film non risulta così esplosiva, risultando a tratti deludente per i miei gusti. Tuttavia, rimane un buon film psicologico, dove tutto è quello che forse non è.

Conclusione

Burning – L’Amore Brucia è un film psicologico intenso e misterioso, che esplora le complesse dinamiche di classe e le relazioni umane attraverso i suoi protagonisti. Pur avendo momenti fermi, il film riesce a coinvolgere profondamente nella sua parte finale, offrendo una riflessione profonda su solitudine, disillusione e desiderio.

TITOLO ORIGINALE: BEONING; REGIA: LEE CHANG-DONG; CAST: YOO AH-IN, STEVEN YEUN, JEON JONG-SEO; DURATA: 148minuti; ANNO: 2018; GENERE: FANTASTICO.

VOTO: 7. Il webmaster manuenghel © 2024

Voglio sparire come il sole al tramonto.

La frase…