Brother

Film

Yamamoto è un sicario di una famiglia della Yakuza giapponese in declino, la sua devozione è incredibile, darebbe la propria vita per il suo signore, ma purtroppo proprio quando lui non c’era il suo capo viene ucciso. La famiglia viene annessa ad un altra e gli affiliati che non vogliono cedere vengono uccisi barbaramente. Yamamoto ovviamente non accetta di diventare il servo di chi ha ucciso il suo signore e così è costretto a fuggire negli stati uniti a casa del suo fratellastro. Gli Stati Uniti così diventano un terreno fertile per creare una propria famiglia per Yamamoto ed inizia la sua personale guerra per assoggettare a lui il mercato “latino” della droga. La sua spietatezza è incredibile, la sua fame di guerra è senza limite, niente può fermarlo, nessuno sembra che può ucciderlo, ma purtroppo i suoi affari iniziano a dare fastidio a qualcuno. La mafia italiana non vuole essere da meno e per Yamamoto è una nuova linfa per proseguire nella sua missione, quella di uccidere o essere ucciso.

Film “americano” per il grande regista giapponese Takeshi Kitano, che dona ai suoi fan il classico film sangue e pallottole made in Japan. Ammetto che non è una perla della cinematografia mondiale, ma secondo me è un film da gustare almeno una volta. La cosa che più mi ha colpito sono le improvvise sparatorie, nel silenzio più assoluto, con soltanto i bisbigli di Yamamoto parte uno sparo che a me ha fatto saltare dal divano. La recitazione in generale non è il massimo, però mi ha fatto piacere vedere in un film giapponese l’attore americano Omar Epps, co-protagonista nel telefilm Dott. House. Ovviamente in un film del genere non manca il sangue che scorre “a garganelle”, un p0′ esagerato in alcuni punti, però godibile che strappa a volte qualche sorriso. Bravo Kitano, la parte di Yamamoto sembra perfetta per un attore istrionico come lui.

brother-2 brother-3

brother-4 brother-5

 

Valutazione

TRAMA: 6,5 (gangster movie)

PERSONAGGI: 6,5 (alcuni inespressivi, altri tipici di questi film)

RECITAZIONE: 6 (sufficiente per questo film)

DURATA: 7 (forse leggermente lungo, ma giusta per il completamento della trama)

REGIA: 7 (a me Kitano come regista piace molto, anche in questo film secondo me ha messo del suo)

MUSICHE: 6 (normale, niente di eccezionale)

Il webmaster manuenghel, 23 marzo 2012

 

La frase

A chi hai detto fottuto giapponese?

 

Ogni immagine e video presenti nel sito sono di proprietà dei rispettivi autori. Contattatemi tramite social per una eventuale segnalazione in merito. Each image and video on the site are the property of their respective authors. Contact me via social for a possible report on this.