Home / Film / Karate Kid – La leggenda Continua
karate-kid-la-leggenda-continua

Karate Kid – La leggenda Continua

Dree e sua madre si trasferiscono in Cina per re-inventarsi una nuova vita. Le difficoltà non sono poche, le loro abitudini “americane” poco si sposano con il mondo cinese, abitudini e stili di vita completamente differenti non aiutano il piccolo ragazzo, già scontento di aver abbandonato i suoi amici degli Stati Uniti. Dree inizia così la scuola, ma anche lì purtroppo iniziano i problemi, nonostante l’istituto sia “internazionale”, incontra un gruppo di ragazzi cinesi che iniziano a prenderlo di mira picchiandolo utilizzando il Kung Fu. Dree inizia così ad ever paura di andare a scuola, ma il suo sangue americano, orgoglioso e testardo lo fa sempre scontrare con questi teppistelli, prendendo molte botte. Tra fughe da quei ragazzi e giornate a scuola fa conoscenza con una ragazza, Mei, iniziando così una splendida amicizia. Un giorno purtroppo Dree non riesce a scappare e mentre veniva picchiato interviene il signor Han, dall’aria consumata che da una lezione a quei ragazzi, utilizzando una tecnica di Kung Fu che i teppisti non possono competere. Dree rimane stupefatto dall’uomo, che poi è il tecnico tuttofare del suo condominio, e gli chiede di aiutarlo contro quei ragazzi. L’unico consiglio che gli da è di affrontarli e chiedergli di lasciarlo in pace. Insieme si recano al Dojo di quei ragazzi e Han scopre che il maestro di quei ragazzi usa il Kung Fu con violenza, perdendo il vero valore di quella disciplina. Con umile reverenza però Han sfida il maestro al torneo cittadino di Kung Fu, se Dree vince i suoi ragazzi dovranno smetterla di picchiarlo. Inizia così l’avventura di Dree nel mondo delle arti marziali, dove dovrà sottostare ai strani insegnamenti del maestro Han, sfortunato uomo che con il suo insegnamento farà diventare più maturo un giovane ragazzo ribelle, tutto con all’orrizzonte il torneo di Kung Fu.

E dopo aver recensito I primi due Karate Kid degli anni 80, ho deciso di mettere anche il remake del primo film cn una nuova giovane star di Hollywood, Jadee Smith, figlio d’arte di Will Smith. Devo dire che la sua recitazione è stata ottima, per centrato nel contesto del film, ha un viso indisponente e simpatico allo stesso tempo che immediatamente fa capire il tipo di personaggio che sta interpretando, mi è proprio piaciuta la sua performance. Purtroppo essendo un amante dei vecchi film, questo Karate Kid mi perde del sapore giapponese che aveva il primo. Prima di tutto è ambientato in Cina, si pratica il Kung Fu, non il Karate, poi il maestro ovviamente è cinese, interpretato dal bravo Jakie Chan, che ancora mostra le sue capacità acrobatiche nell’unico combattimento che fa. Sinceramente non lo trovo bene nei panni del personaggio che hanno creato in questo film, in alcune scene drammatiche è poco credibile e alcune sequenze della trama non convincono per niente. Il metodo di allenamento è stile Miyagi-san, però non hanno messo “togli la cera, metti la cera”, ma hanno inventato un nuovo tipo, originale, simpatico e questa scelta l’ho condivisa in pieno, hanno evitato di cadere nel ridicolo copiando troppo dal primo film. Diciamo che si sono ispirati al primo film, cercando di re-inventare un genere un pò caduto in decadenza. Il film in generale l’ho trovato piacevole, scorrevole, senza pretese.

Valutazione
TRAMA: 7 (ben ispirati dal film originale)
PERSONAGGI: 7,5 (tipici, ma giusti nel contesto della trama)
RECITAZIONE: 7,5 (niente di eccezionale)
DURATA: 8 (ben scorrevole)
REGIA: 8 (bellissimi paesaggi ben inquadrati)
MUSICHE: 7 (incalzante nei momenti giusti)
Il webmaster manuenghel © 2011

 

La frase
Nella vita non ci sono cattivi allievi,
ma solo cattivi maestri

Guarda anche

Viaggio a Tokyo

“Viaggio a Tokyo” è il più bel film che io abbia mai visto, solo “Così …